L’ho scritto sabato, con il taglio del cuneo fiscale che dovrebbe arrivare a maggio, i lavoratori dipendenti potranno godere di un beneficio fiscale che potrà arrivare fino ai 94 euro al mese. Il risparmio Irpef dovrebbe variare tra i 200 ed i mille euro. Questa estrema variabilità rende difficile capire quale impatto avrà questa misura (foto by InfoPhoto)…
La domanda che tutti fanno è se questo permetterà di rilanciare l’economia. Senza dubbio questo aumento della busta paga si tradurrà in un’iniezione di liquidità che dovrebbe tradursi in nuove spese che dovrebbero rialimentare la domanda interna. Si stima che su dieci miliardi di taglio, nove diventeranno direttamente dei consumi. Quindi questa semplice misura avrebbe l’effetto di aumentare direttamente il Pil di poco più di mezzo punto percentuale
C’è chi dice che l’effetto sarebbe dello 0,8% (un punto di Prodotto Interno Lordo vale circa 16 miliardi di euro). Non poco se si pensa che il Pil senza questa misura dovrebbe aumentare dello 0,6%… Gli stessi 10 miliardi, se utilizzati per l’Irap, avrebbe un minor effetto sul Pil – si parla della metà, perché non avrebbe lo stesso impatto sulla domanda interna.