Cosa ci dobbiamo aspettare dal nuovo governo? Qualcuno si sarà preoccupato ritornando al 29 novembre, quando su Sky va in onda il confronto fra i candidati alla segreteria del Pd: oltre a Matteo Renzi, ci sono anche Gianni Cuperlo e Pippo Civati. Tra le diverse domande sui temi economici si parla anche dell’eventuale introduzione di una tassa patrimoniale. Sul tema l’attuale segretario del Pd, e futuro premier esprime un parere favorevole, ma solo dopo un eventuale segnale – leggi taglio netto dei costi – da parte della politica.

Questo il succo del suo intervento in tema: “È giusto che chi ha di più dia di più, ma prima dobbiamo dare l’esempio noi“. Dobbiamo quindi aspettarci tra le misure del prossimo governo una patrimoniale? In politica mai dire mai… ma è difficile attendersi una misura simile in questo momento – si correrebbe il rischio di una rivolta – senza prima tagli alla politica di valore molto superiore a quelli finora solo immaginati – come il taglio di un miliardo di euro per l’eliminazione del senato…

LEGGI ANCHE
Renzi nuovo governo: il primo obiettivo è una rivoluzione fiscale
Rating Italia 2014: Letta o Renzi, per Fitch l’outlook resta negativo
Governo Renzi: il nodo principale resta l’economia

photo credit: Michele Ficara Manganelli via photopin cc