Della serie il redditometro colpisce ancora – ma un po’ è anche colpa dell’italiano medio. Quello del redditometro è uno dei maggiori spauracchi per il contribuente italiano, un po’ perché spesso abbiamo della polvere sotto il tappeto, ed in parte perché le norme italiane e la burocrazia hanno caratteristiche che ricordano più i vecchi stati borbonici che un moderno paese occidentale che fa parte dell’Unione Europea. E così quando si riceve qualche mail su questo argomento si potrebbero correre dei rischi se si clicca su allegati o link.

In questi giorni nelle vostre caselle di poste potreste ricevere una mail che a prima vista sembra essere molto interessante perché afferma di contenere le Linee Guida dell’Agenzia delle Entrate per evitare i controlli sul redditometro. Non vi fidate perché si tratta di un virus, se aprite l’allegato o vi collegate a qualche sito indicato nel testo – www.agensiaentrate.it, un’indirizzo molto simile al dominio istituzionale dell’Agenzia delle Entrate, fatto ad arte per trarre in inganno l’internauta distratto – rischiate di ammorbare il vostro computer.

L’altro rischio che si corre è quello di fornire dei dati personali che potrebbero essere utilizzati per scopi illeciti. Cosa fare se riceviamo un messaggio di questo tipo? Eliminarlo subito senza aprire link o allegati. Chiudo dicendo che bisogna fare attenzione ad ogni mail che ricevete e che ha un contenuto troppo allettante, spesso è un trucco per spingervi a cliccare su un allegato o un link. Insomma, vale sempre la seguente regola aurea: “dubitate gente dubitate“.

Photo credit: Pixabay