L’Agenzia delle Entrate ha fornito in questi giorni dei chiarimenti sul nuovo redditometro che, come ho scritto qualche giorno fa dovrebbe essere ad un passo dal suo debutto, visto che l’Agenzia delle Entrate sembra essersi decisa ad accogliere le richieste del Garante della privacy relative a questo nuovo strumento.

Come vi ho scritto, i contribuenti che secondo il nuovo redditometro presenterebbero significativi scostamenti tra il reddito dichiarato e le loro spese dovrebbero ricevere una lettera in cui li si invita a presentarsi per un incontro nel competente ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate per ottenere informazioni su tale scostamento.

Cosa succede se non ci presentiamo? Qualcuno si preoccupava che in un secondo tempo del contraddittorio non fosse più possibile fornire elementi giustificativi dello scostamento tra spese e reddito. Non è così, è sempre possibile per il contribuente produrre dati o documenti a conferma della propria posizione tributaria sia nella fase dell’accertamento con adesione, sia in quella del contenzioso.

photo credit: 401(K) 2013 via photopin cc