Il modello Redditi PF 2017 (ex UNICO) è il modello ordinario di dichiarazione dei redditi con il quale è possibile effettuare la propria dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2016. A differenza del modello 730, nel modello Redditi i versamenti delle imposte devono essere effettuati direttamente dal contribuente attraverso il modello F24, che deve essere presentato in banca o in posta.

Per applicare le deduzioni fiscali previste dalla legge è necessario compilare il Quadro RP del modello Redditi PF 2017. Le spese e gli oneri deducibili in dichiarazione dei redditi, vanno indicate nel Rigo RP21 – RP31 nel Modello Redditi Persone Fisiche 2017.

Le spese ed oneri sostenuti nell’anno precedente, per sé stessi o per i famigliari a carico, che consentono di ridurre il reddito complessivo percepito nell’anno di imposta 2016 sul quale calcolare l’imposta dovuta nel 2017, ovvero deducibili, vi rientrano quelle sostenute per:

  • Ticket del Servizio Sanitario Nazionale;
  • assistenza infermieristica e riabilitativa disabili se prescritta da un medico;
  • spese sanitarie, generiche e di assistenza specifica, sostenute dai disabili sono interamente deducibili dal reddito complessivo (personale infermieristico e operatori tecnici assistenziali, personale di coordinamento delle attività assistenziali di nucleo personale con la qualifica di educatore professionale, personale qualificato addetto ad attività di animazione e di terapia occupazionale);
  • assistenza e ricovero disabili, è deducibile la parte di retta che riguarda le spese mediche e paramediche di assistenza specifica indicate distintamente nella documentazione rilasciata dall’istituto di assistenza;
  • contributi previdenziali ed assistenziali e volontari versati alla gestione della forma pensionistica obbligatoria d’appartenenza, anche se sostenuti per i familiari fiscalmente a carico (contributi previdenziali e assistenziali, contributi per i fondi integrativi del servizio sanitario nazionale, contributi per forme pensionistiche complementari e individuali per un importo non superiore a 5.164,57 euro, contributi versati per l’assicurazione obbligatoria INAIL riservata alle persone del nucleo familiare per la tutela contro gli infortuni domestici, riscatto anni di laurea, ricongiunzione contributi);
  • assegni periodici per il mantenimento coniuge separato o divorziato (non sono deducibili invece gli assegni periodici per il mantenimento dei figli).