Il disegno di legge sulla concorrenza su cui si sta votando alla Camera contiene importanti novità per l’Rc auto dal 2016. Una di queste è che sono previsti degli sconti obbligatori – non inferiori ad una percentuale minima – in determinati casi: si va dall’installazione sul veicolo della scatola nera – o dei rilevatori del tasso d’alcolemia – all’ispezione preventiva della macchina ed alla clausola di guida esclusiva.

Con il provvedimento si vuole arrivare anche al superamento delle disparità territoriali per i premi – gli automobilisti di Roma, Napoli ed altre città vengono considerati a maggior rischio di incidente e quindi pagano di più. Gli automobilisti senza incidenti per cinque anni – e disposti a montare sul loro veicolo la scatola nera -, avranno diritto ad un bonus che allineerà la polizza alla media nazionale.

Per i danni non patrimoniali di una certa entità viene predisposta una tabella unica che tiene conto anche dell’inflazione. Per evitare le frodi assicurative, un’agenzia avrà la facoltà di rifiutare la stipula della polizza nel caso rilevi la trasmissione di dati falsi e/o non corrispondenti alla realtà. Ci sarà poi più rigidità nella selezione dei testimoni in caso di incidenti – per evitare che spuntino fuori testimoni di comodo. Bisogna indicarli nella richiesta di risarcimento danni, nell’invito alla negoziazione assistita o nella richiesta di testimoni formale che viene inviata tramite raccomandata A/R dall’agenzia assicurativa entro il termine massimo di 60 giorni dalla denuncia del sinistro.

Superato l’obbligo in capo all’automobilista vittima dell’incidente di riparare la vettura nella carrozzeria convenzionata con l’assicurazione. L’assicurato sarà quindi libero di scegliere il meccanico di fiducia. Ulteriori interventi semplificativi riguardano la rinuncia alla cessione del credito. Il principio della durata annuale della polizza RC auto e il divieto di rinnovo tacito si applicano, su richiesta del contraente, anche per contratti relativi a rischi accessori, come incendio e furto, qualora la copertura sia inclusa nello stesso contratto o con un contratto diverso ma stipulato contestualmente a quello principale.