il regolamento Ivass del 19 maggio 2015 n. 95, ha stabilito che l’attestato di rischio – si tratta del documento che attesta la classe universale di appartenenza dell’assicurato ed il numero degli incidenti che ha avuto nel corso degli anni – deve essere solo digitale. Che cosa cambia per chi vuole cambiare la propria rc auto? Dal 1 luglio, non ricevendo più attestati cartacei, non dovremo consegnare nulla alla nuova compagnia con cui intendiamo stipulare la nostra assicurazione. La compagnia potrà scaricare tale attestato da una banca dati comune a tutte le aziende del settore.

Ovviamente il meccanismo potrà funzionare a condizione che la precedente compagnia assicurativa carichi l’attestato di rischio nella banca dati e lo renda disponibile sul proprio sito web. I clienti delle compagnie dovranno poter verificare la produzione del proprio attestato in modalità telematica in un’area a disposizione sul sito della compagnia – accessibili con credenziali d’accesso -, o in altra forma (informazioni di questo genere devono essere fornite dalle imprese anche per iscritto in occasione della sottoscrizione del contratto). Su richiesta dell’assicurato, la compagnia deve essere pronta ad inviare il documento via mail, oppure ancora mediante WhatsApp o la messaggistica di Facebook.

La dematerializzazione non vale per tutti, perché ai clienti che non hanno dimestichezza con i nuovi mezzi tecnologici, la compagnia assicurativa dovrà continuare ad assicurare la stampa cartacea dell’attestato ma non la consegna a domicilio. Con questo passaggio si chiude la prima fase del progetto “dematerializzazione dell’attestato di rischio“, che è frutto di un confronto tra gli operatori che operano in questo mercato, imprese e intermediari, associazioni dei consumatori, e così via. L’intenzione è quella di arrivare ad una seconda fase in cui si dovrebbe passare dall’attestato di rischio statico – fa una fotografia della situazione corrente -, all’attestato dinamico che dovrebbe essere generato di continuo dal sistema. In questo modo dovrebbe essere più aggiornato ed efficace, e dovrebbe contrastare i fenomeni elusivi.