Non so quanti di voi lo conoscano. 2048, è un puzzle-game matematico, e negli ultimi quindici giorni è uno dei giochini più cliccati in rete. Il suo creatore si chiama Gabriele Cirulli, ha 19 anni ed è di Gorizia. Si è diplomato l’anno scorso e non frequenta nessuna università, perché – secondo il creatore di 2048 “nel mondo di oggi conviene buttarsi subito nel mercato del lavoro, dato che le abilità tecniche le avevo già”.

Ha messo online il suo gioco il 9 marzo, e da allora la pagina è stata visitata da 9 milioni di persone – che come racconta il suo creatore – “hanno giocato circa 100 milioni di partite”. In questo breve lasso di tempo la sua creatura ha ricevuto l’attenzione dei media di tutto il mondo – al punto che il Wall Street Journal gli ha dedicato un articolo. Ma lui a quanto sembra non si è montato la testa, visto che ha rifiutato interviste alla tv o alla radio, non ha dato il suo numero di cellulare e non si sa nemmeno bene in quale paese viva.

L’obiettivo è arrivare a 2048, ma è molto complicato da raggiungere: “Solo l’1% delle partite finiscono con la vittoria“. Lo stesso creatore del gioco è arrivato al massimo ad ottenere 1024. Il giochino è diventato virale senza che il suo autore muovesse un dito per promuoverlo.

Dato da non dimenticare. Gabriele Cirulli ha scelto di non ricavarci nulla – ed anche per questo il giochino ha sviluppato questo interesse… 2048 è open source: chiunque può migliorarlo. Comunque grazie alle donazioni ha guadagnato qualche centinaio di euro. Grazie al giochino ha ricevuto diverse offerte di lavoro. il creatore di 2048 ne sta “valutando diverse, ma il mio obiettivo resta lavorare su progetti interessanti, magari inventati da me”. 

LEGGI ANCHE
2048 game: il puzzle game italiano come 1024 e Threes sul Play Store per Android

2048 come si gioca: ecco spiegato il gioco più in voga del momento
Migliori giochi iOS: Threes! è il nuovo tormentone del momento