(Finanza.com) Puma, il gruppo tedesco dell’abbigliamento sportivo, ha tagliato la guidance dopo aver anticipato una debole performance nel primo semestre 2012. Il gruppo ha fatto sapere oggi che nel primo semestre dell’anno l’utile netto registrerà un calo del 13% rispetto all’anno precedente e l’Ebit diminuirà dell’11%, a causa della debole performance in Europa. Anticipazioni che hanno fatto rivedere al ribasso le stime sull’intero anno: le vendite dovrebbero crescere intorno al 5% contro la precedente previsione di un aumento del 5-9%, mentre l’utile netto dovrebbe “diminuire in modo significativo” rispetto ai 230,1 milioni di euro del 2011. La revisione pesa sul titolo. In questo momento l’azione Puma segna un calo di oltre il 4% sulla Borsa di Francoforte.