E’ inutile pensare che una protesta possa essere locale se la crisi e globale e poi, lo sanno tutti, l’unione fa la forza. Con questo spirito e per dar voce al loro disagio, migliaia di manifestanti si sono riunisti sotto la sede della BCE.

Si chiama “Blockupy Francoforte” ed ha portato in strada migliaia di manifestanti, tutti cittadini che hanno scelto la capitale finanziaria del Vecchio Continente, non a caso sede della BCE, per protestare contro la crisi globale.

La moneta unica nel particolare e le politiche monetarie in generale, sono finite sul banco degli imputati, proprio nella settimana in cui sembra prendere forza l’ipotesi di un’uscita della Grecia dall’euro.

Chiaramente la polizia si è schierata davanti al palazzo della BCE perché l’intento dichiarato dei manifestanti era proprio quello di bloccare il distretto finanziario della città nei giorni dedicati alla protesta. Tra l’altro nei pressi del palazzo della BCE ci sono anche gli uffici del Fondo Monetario Internazionale e di molte aziende che si occupano di finanza internazionale.

Il movimento Blockupy è molto variegato ed accoglie al suo interno diverse organizzazione anticapitaliste, anche famose, come per esempio Attacc o parti della Sinistra tedesca. In previsione sono attesi circa 30 mila manifestanti e siccome già nei giorni scorsi, durante le manifestazioni, ci sono state delle “deviazioni” un po’ fuori controllo, si teme per eventuali scontri.