I maggiori indici azionari asiatici hanno esteso oggi il positivo rally della scorsa settimana, registrando il terzo giorno consecutivo in rialzo. A favorire gli indici è l’ottimismo su un miglioramento dello scenario dell’area Euro dopo le dichiarazioni di giovedì 26 da parte del presidente della BCE Mario Draghi, in attesa della riunione del Consiglio Direttivo della Banca Centrale di giovedì 2 agosto. Una buona indicazione per le borse è arrivata anche dall’andamento delle trimestrali in Asia. Il Nikkei ed il Kospi sono avanzati dello 0,8% e l’Hang Seng dell’1,3%.

In spolvero finanziari e società esportatrici

Sul fronte dei risultati trimestrali, Konica Minolta, società che realizza il 28% del proprio fatturato in Europa, è salita del 6% dopo avere annunciato un utile operativo raddoppiato rispetto all’anno prima. Tra le 1007 società dell’indice MSCI Asia Pacific, 273 presenteranno i risultati in settimana. Le società giapponesi appartenenti al Topix, l’indice più ampio del mercato azionario nipponico, vantano più soldi in cassa che debito secondo quanto riportato dall’agenzia Bloomberg.

Bancari e assicurativi sono stati protagonisti del rialzo di oggi grazie al venire meno delle tensioni in area Euro. Commonwealth Bank of Australia e Industrial & Commercial Bank of China sono salite dell’1,9%.

I dati economici pubblicati oggi, però, hanno aumentato i timori di un rallentamento dell’economia asiatica. La produzione industriale giapponese, infatti, è scesa dello 0,1% rispetto al mese precedente contro attese di un incremento dell’1,5% e la fiducia delle imprese in Corea del Sud è scesa al minimo degli ultimi 3 anni.