I maggiori indici azionari asiatici hanno vissuto oggi una seduta positiva per le attese che le principali banche centrali possano intervenire a sostegno della crescita economica. In particolare sono attese le decisioni della Banca Centrale Coreana, che potrebbe decidere di tagliare i tassi, e di quella giapponese, che dovrebbe invece mantenere la politica monetaria invariata, che saranno annunciate domani. La borsa nipponica e quella coreana hanno registrato le performance migliori chiudendo in rialzo dello 0,9%. La borsa di Hong Kong è stata colpita dalle prese di profitto dopo tre rialzi consecutivi ed ha chiuso a -0,1%, in attesa della pubblicazione dei dati economici cinesi in calendario domani.

Occhi puntati sulla Cina

Domani, l’ufficio statistico cinese pubblicherà una serie di dati che potrebbe aprire le porte ad un intervento espansivo da parte della Banca centrale. In particolare, dovrebbe essere la discesa all’1,7% dell’inflazione, il minimo dal gennaio 2010, a permettere alle autorità monetarie di intervenire a sostegno della crescita economica. Secondo gli esperti, la mossa più probabile è quella di un taglio delle riserve che le banche commerciali devono detenere presso la banca centrale. L’indice della borsa di Shanghai ha chiuso praticamente invariato.

In Giappone, Sharp è avanzata del 2,7% dopo che Hon Hai Precision ha confermato l’intenzione di proseguire nella collaborazione tra le due società. A Taiwan Chimei Innolux, società che produce display, ha chiuso in rialzo del 7% dopo avere annunciato una perdita inferiore alle attese degli analisti.