I prezzi dei carburanti hanno fatto registrare alcuni lievi aumenti, soprattutto a causa dei mercati internazionali dei prodotti petroliferi che hanno provocato un rimbalzo. E così, dopo la pressoché relativa stabilità di ieri, nella giornata odierna la compagnia petrolifera Eni ha deciso di ritoccare al rialzo i prezzi dei carburanti da essa forniti, provocando un aumento di un centesimo per la benzina e di due centesimi per il diesel.

Da tutto questo, il Quotidiano Energia ha ricavato che gli attuali prezzi medi per i carburanti che si acquistano in Italia sono: per la benzina verde acquistata in modalità fai da te 1,374 euro al litro (con una fluttuazione dei prezzi che va da un minimo di 1,369 ad un massimo di 1,423 euro al litro) mentre per il diesel il prezzo medio si attesta attorno a 1,183 euro al litro (con compagnie che praticano da un minimo di 1,186 ad un massimo di 1,222 euro al litro).

Per quanto riguarda invece i prezzi dei carburanti venduti attraverso la formula del servito, il prezzo medio per un litro di benzina è di 1,471 euro (ossia da un minimo di 1,426 ad un massimo di 1,540 euro al litro) mentre per quanto riguarda il diesel il prezzo medio è attorno a 1,283 euro al litro (con prezzi che fluttuano da un minimo di 1,236 ad un massimo di 1,347 euro al litro).

Per quanto riguarda invece il Gpl, il prezzo medio va da un minimo di 0,523 ad un massimo di 0,572 di euro al litro.