Quanto costa avere un figlio oggi? Tanto, e le spese possono sembrare ancora più proibitive in periodi di crisi come questo. Il portale Prestiti.it ha provato a fare i conti per i neopapà e le neomamme.

Il primo riferimento è quello di Federconsumatori, che ha calcolato che un neonato nel primo anno di età costa tra i 6.585 e i 14.110 euro. Una parte dell’investimento riguarda il periodo prenatale.

Per esempio, una volta al mese, bisogna fare un’ecografia e una visita – per un costo stimato sui mille euro. E poi c’è il – o i – test di gravidanza – 30 euro l’uno -, gli esami del sangue – altri 22 euro con il ticket, i farmaci, gli integratori e l’abbigliamento premaman. In tutto sono altri 2.000 euro.

E poi c’è la carrozzina/passeggino nelle sue varie declinazioni – costo stimato tra i 376 e i 674 euro -, la culla – tra i 198 e i 462 euro -, il seggiolone - almeno 140 euro – ed il fasciatoio  - e se ne partono cifre tra gli 85 e i 377 euro.

Per arrivare al totale che vi ho scritto all’inizio del post mancano pannolini, attrezzature per il viaggio, pappe, visite mediche, farmaci... E se la mamma vuole tornare a lavorare o avere almeno qualche momento per sé, c’è da considerare il costo del nido o di una babysitter.

Cosa fare? Chi ha dei figli nati o adottati nel 2012, nel 2013 e nel 2014, può ricorre al fondo agevolato del Dipartimento per le politiche delle famiglie. Si ha diritto fino a 5.000 euro da restituire in cinque anni.

Per chi non riuscirà ad accedere al fondo e non ha le disponibilità finanziarie per fronteggiare l’evento c’è sempre la possibilità di richiedere un prestito online con Agos Ducato. Si può richiedere un preventivo gratuito in rete con pochi clic, oppure compilare un form sul sito agosducatoweb.it e richiedere un appuntamento non impegnativo presso la filiale Agos Ducato più vicina a te.

Ricordatevi che se richiedete un somma superiore ai diecimila euro, l’istituto finanziario ha la facoltà di chiedervi per quali obiettivi verrà utilizzato il finanziamento.

Publiredazionale

photo credit: X O X O L I C I O U S via photopin cc