Incredibile a dirsi – e molti dei lettori immagino che non mi crederanno -, ma la pressione fiscale italiana, dopo anni di continui aumenti, ha iniziato a scendere. Per adesso ci dobbiamo accontentare di briciole – ma è sempre meglio di niente. Almeno questi sono i calcoli dell’Ocse, secondo cui la pressione fiscale in Italia passa dal 42,7% al 42,6%, mentre in media nell’Ocse la pressione fiscale ha sfondato quota 34%, con un aumento dello 0,4% tra il 2012 ed il 2013.

Questo dato non ci deve far dimenticare che restiamo nella top five dei tartassati. Peggio di noi – ma almeno garantiscono un livello ben differente di Stato sociale – fanno solo Danimarca (48,6%), Francia (45%), Belgio (44,6%), Finlandia (44%). Un altro dato significativo è che tra il 2000 ed il 2013, la pressione fiscale italiana è aumentata di 2 punti percentuali, mentre negli altri paesi dell’Ocse, nello stesso periodo, la crescita è stata solo dello 0,2%. Insomma si tratterebbe più che altro di una tregua.

Più che di un cambio di rotta, per Roma si può parlare di tregua. Dal 2000 al 2013, infatti, la pressione fiscale è cresciuta di due punti percentuali, con un picco tra il 2011 e il 2013. Nel resto dei Paesi dell’area Ocse, la crescita della pressione, è stata in media, dello 0,2%. In Italia sono molto alte le tasse sui redditi da lavoro, che rappresentano il 27% delle entrate fiscali, mentre al contrario è sotto la media per quanto riguarda l’Iva – rappresenta il 13,8% contro la media Ocse del 19,5%. Perché questa differenza? Perché i consumi sono sempre più deboli, e perché la tassa viene spesso evasa.

Difficile immaginare cosa ci aspetterà il futuro. Probabilmente nemmeno il 2015 sarà un anno facile, visto che il tasso di disoccupzione nell’area Ocse è al 7,2%, mentre in Italia si è appena raggiunto un nuovo record del 13,2% – a settembre eravamo al 12,9%. Peggio di noi c’è solo il Portogallo (13,4%), la Spagna (24%) e la Grecia (26,4%). Ma in questi paesi i dati sono in miglioramente, mentre noi stiamo registrando sempre nuovi record.

photo credit: 401(K) 2013 via photopin cc