(Finanza.com) Premafin rende noto di aver sottoscritto con le proprie banche finanziatrici la convenzione di ristrutturazione di debiti, in esecuzione di quanto previsto nel piano di risanamento approvato dalla società in data 30 marzo, imperniato sull’integrazione fra il gruppo Premafin, Fondiaria-Sai e Unipol Gruppo Finanziario. Lo rende noto la holding in un comunicato. Il piano, si legge nella nota, prevede la ristrutturazione del contratto di finanziamento modificativo del contratto di finanziamento in pool per un ammontare di circa 322,5 milioni di euro e il debito prospettico di Premafin nei confronti di Unicredit relativo alla dilazione di pagamento del prezzo delle azioni FonSai, per un ammontare di circa 45,5 milioni, riveniente dalla chiusura anticipata del contratto di equity swap. La convenzione prevede l’entrata in vigore di alcuni documenti contrattuali in dipendenza dell’avveramento di talune condizioni sospensive, del mancato verificarsi della condizione risolutiva riguardante il ricorrere di circostanze che non consentano l’attuazione del Piano di Risanamento nelle modalità da esso previste, nonché del mancato esercizio del diritto di recesso da parte delle Banche Finanziatrici se, entro la data del 20 luglio (o comunque prima dell’eventuale esercizio di tale diritto), l’aumento di capitale di Premafin, deliberato in data 12 giugno, non fosse sottoscritto e versato da Unipol.