Alla luce dei nuovi aumenti dei carburanti, i costi per mantenere un’automobile sono divenuti a dir poco proibitivi. Secondo l’aggiornamento del monitoraggio dei costi relativi a tale voce effettuato dall’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, nel 2012 per mantenere un’auto ogni cittadino dovrà sborsare in più ben 588 Euro. Su un costo medio di gestione dell’auto (esclusi ammortamenti e tasse) di 4.040 Euro annui, tale aumento è pari al 15%.

Non sorprende quindi la grave crisi del mercato dell’auto. Secondo Federconsumatori, “sono molti i cittadini che, a causa di tali costi insostenibili, stanno rinunciando all’utilizzo dell’automobile, per preferirei mezzi pubblici (il cui servizio, in molte città, risulta estremamente carente nel coprire la maggiore domanda), o addirittura riscoprire mezzi di trasporto quale la bicicletta”.

Oltre a fare appello al Governo per invocare interventi tesi a ridurre i costi dei carburanti e delle assicurazioni, Federconsumatori lancia un appello agli enti locali per avviare al più presto adeguati piani di trasporto per supplire alla crescita dei passeggeri nei mezzi pubblici e per disporre, soprattutto nei grandi centri urbani, piste ciclabili per mettere in sicurezza i cittadini che, per scelta o per necessità, sono tornati ad utilizzare tale mezzo di trasporto.