Nel quarto trimestre del 2013 il PIL italiano è tornato in area positiva: non accadeva da oltre due anni, ovvero dal trimestre aprile-giugno del 2011. Secondo ISTAT, la produzione totale nazionale è cresciuta dello 0,1% rispetto al trimestre precedente, pur essendo diminuito dello 0,9% rispetto all’ultimo trimestre del 2012. Confermata, dunque, la stima preliminare diffusa lo scorso 14 febbraio, che aveva rilevato la stessa variazione positiva. Buone notizie anche sul fronte degli investimenti fissi lordi, che sono cresciuti dello 0,9% rispetto al trimestre precedenti; segno positivo anche per le importazioni (+0,2%) e per le esportazioni (+1,2%), mentre i consumi finali nazionali sono rimasti invariati.

Primi timidi segnali di ripresa, dunque, per l’economia italiana, colpita nel giro di cinque anni da due recessioni consecutive. Ora c’è attesa per le stime sul primo trimestre del 2014: un altro risultato positivo potrebbe significare l’uscita definitiva della nostra economia dalle paludi della crisi.

LEGGI ANCHE:

Export, le Pmi trainano la ripresa italiana

Cassa integrazione, non ci sono più soldi

Stipendi medi in Europa