Dopo un inizio incerto la Borsa di Milano ha accelerato al rialzo trainata dalla buona vena del comparto bancario. I primi scambi avevano risentito ancora dello scivolone di venerdì, anche se l’ultima ottava si è chiusa con un saldo positivo per l’indice guida di Piazza Affari. L’evento più atteso della giornata è in programma nella notte italiana: l’ultimo dibattito televisivo tra Barack Obama e Mitt Romney. L’ultimo sondaggio Wsj-Nbc mostra una perfetta parità tra i due candidati a poco più di due settimane dal voto del 6 novembre.

Sul fronte orientale, la Borsa di Tokyo ha chiuso poco mossa e in Giappone sono circolate le voci di nuovi stimoli da parte della Banca centrale per tentare di rilanciare l’export. La prima seduta della settimana mostra comunque cautela nella principali piazze finanziarie del Vecchio Continente: a Parigi il Cac 40 guadagna lo 0,30%, a Francoforte il Dax avanza dello 0,05%, a Londra il Ftse 100 segna un rialzo dello 0,10%, a Madrid l’Ibex 35 mostra un progresso dello 0,30%.
 
Più tonica Piazza Affari, con l’indice Ftse Mib che guadagna oltre mezzo punto percentuale a ridosso dei 16.000 punti, trainata dalla buona vena dei titoli bancari: Popolare di Milano guadagna il 2,50% a 0,461 euro, Bper il 2,50% a 4,844 euro, Unicredit il 2,30% a 3,676 euro, Intesa SanPaolo il 2% a 1,332 euro, Ubi Banca l’1,90% a 3,184 euro, Monte dei Paschi l’1,90% a 0,231 euro, Banco Popolare l’1,60% a 1,32 euro.

In settimana l’attenzione degli investitori, complice l’avvio della stagione delle trimestrali relativa al periodo luglio-settembre, si sposterà maggiormente sui fondamentali e sulle storie delle società quotate. Tra le big di Piazza Affari STMicroelectrinics debutterà al test dei conti martedì 23 ottobre; mercoledì toccherà a Saipem, giovedì a Luxottica e venerdì a Snam.