(Finanza.com) Profondo rosso per la Borsa di Milano dopo che Mario Draghi ha lasciato l’amaro in bocca ai mercati finanziari. Il presidente della Banca centrale europea ha ripetuto che la Bce è pronta a intervenire in caso di necessità attraverso diverse misure, senza tuttavia scendere nei dettagli e senza citare misure specifiche. Dopo una breve accelerazione rialzista fino ai massimi intraday di 14.336 punti, l’indice Ftse Mib ha virato bruscamente in negativo e in questo momento lascia sul parterre oltre 3 punti percentuali sotto quota 13.500 punti. Raffica di sospensioni sul paniere principale di Piazza Affari. In questo momento sono sospese per eccesso di ribasso Mediobanca, Ubi Banca, Enel Green Power, Banco Popolare, Popolare di Milano, Intesa SanPaolo, Bper, Telecom Italia e Unicredit.