(Finanza.com) La Borsa di Milano azzera i guadagni della mattinata dopo i dati non certo esaltanti sul Pil italiano del secondo trimestre e sulla produzione industriale di giugno. Nel periodo aprile-giugno il Prodotto interno lordo tricolore è sceso al ritmo più marcato dalla fine del 2009: -0,7% rispetto al primo trimestre del 2012 e -2,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La debolezza della congiuntura è confermata anche dai dati di giugno sulla produzione industriale. Il calo è stato dell’1,4% rispetto a maggio, mentre su base l’annua la flessione ha raggiunto l’8,2%. E così, dopo una mattinata caratterizzata dal segno più, a Piazza Affari l’indice Ftse Mib cede lo 0,20% in area 14.300 punti.