(Finanza.com) L’Eia (U.S. Energy Information Administration) ha annunciato di aver rivisto al rialzo la stima sulla crescita della domanda di greggio 2012 a 0,84 milioni di barili al giorno, 80 mila barili in più rispetto al resoconto pubblicato un mese fa. Sale anche la stima sull’incremento della domanda nel 2013, che l’agenzia statunitense ha alzato di 130 mila barili a un milione. Segno meno per le richieste statunitensi, che secondo i dati contenuti nel Monthly Energy Review nel 2012 dovrebbero scendere dell’1,5% ai minimi da 15 anni (18,67 milioni di barili al giorno). Per il 2013 l’Eia vede un +0,4% a 18,75 milioni.

La view sull’output dei Paesi non-Opec nel 2012 scende di 50 mila barili a 52,49 milioni e nel 2013 arretra di 70 mila barili a 53,73. Quest’anno, la produzione statunitense di petrolio è vista in aumento di 700 mila barili a 6,3 milioni mentre nel 2013 il dato è atteso a 6,8 milioni.