Di nero su bianco al momento non c’è ancora assolutamente nulla. al massimo siamo a livello di ipotesi… L’unico aspetto chiaro è che il governo Letta ad un provvedimento che permetterebbe di anticipare l’età pensionabile ed evitare il ripetersi di nuovi casi esodati.

L’annuncio è arrivato da Enrico Giovannini. Durante una conferenza stampa all’Inail, il ministro del Lavoro ha presentato la possibilità che il suo governo permetta di anticipare l’età della pensione “con il contributo anche da parte delle aziende“.

A lavorare ad un piano, oltre al ministro e ai suoi uomini, ci sarebbero quelli del Tesoro. Insieme dovrebbero preparare “una proposta robusta sul piano finanziario e giuridico da presentare alle parti sociali“. L’idea di base sarebbe quella “di una contribuzione da parte dei tre soggetti coinvolti nella faccenda (ovvero lavoratori, imprese e Stato). Ci vorrebbe “uno strumento flessibile” che possa adattarsi  alle “esigenze soggettive dei lavoratori” ed abbia pure “robustezza finanziaria“. Operazione complicata se non impossibile.

Intanto ci dobbiamo accontentare dei 307 milioni di budget pubblico per effettuare investimenti nel campo della sicurezza sul lavoro

photo credit: MarioMancuso via photopin cc