Credo che sia il peggiore incubo per chi si avvicina alla pensione. Andare all’Inps per controllare i propri contributi, e scoprire che non ce n’è traccia… Ed è quello che è capitato ad alcuni insegnanti della provincia di Milano. Hanno scoperto che non ci sono le marchette per alcune supplenze svolte tra gli anni Settanta ed il 1987

Non sono i soli. Il caso, secondo il direttore scolastico provinciale, interessa centinaia di docenti. E non si tratterebbe di una questione locale… C’è chi ha riscattato – pagando di tasca sua – più di un anno di contributi che non risultano all’Inps… Per gli altri si consiglia di dotarsi dei certificati di servizio, o dei cedolini che attestano i versamenti delle scuole, prima di andare nuovamente agli sportelli dell’Istituto nazionale di previdenza.

Attenzione però, ci potrebbe essere il rischio che questi insegnanti si trovino di colpo senza anni di contributi, perché normalmente in questi casi scatta la prescrizione dopo un periodo di dieci anni, ovvero bisogna denunciare il mancato pagamento delle marchette entro questo periodo di tempo se si vuole ottenere giustizia… Vi terrò aggiornati su quello che succederà…

photo credit: pracucci via photopin cc