La crisi non sembra frenare la voglia di vacanza degli italiani. Nonostante il difficile momento di crisi, l’osservatorio Casa.it ha rilevato come gli italiani abbiano deciso di non rinunciare alle vacanze di Pasqua, che saranno brevi e a ridosso della festività.

 

Nel corso degli anni le preferenze degli italiani si sono tuttavia adattate allo scenario economico e per questa ragione le scelte si sono orientate verso vacanze di breve durata come il ponte pasquale per cui c’è stato un sensibile aumento delle richieste: +20% per le località di mare e +11% per le città d’arte. “La crisi economica ovviamente va a impattare anche sulle scelte di vacanza degli Italiani – commenta Daniele Mancini, amministratore delegato di Casa.it – L’incremento, rispetto al 2011, delle richieste per una serie di mete turistiche che è stato messo in luce dalla nostra analisi, indica che gli Italiani non vogliono però rinunciare alle vacanze ma preferiscono brevi soggiorni, proprio come quello offerto dal ponte di Pasqua”.

 

Ma dove andranno gli italiani? Tra le principali località balneari, prima fra tutte spicca la città toscana di Viareggio dove si tocca un picco nella domanda pari al +22%, mentre tra le città d’arte è Firenze (+17%) la meta più ambita.

 

Dopo Viareggio, nelle preferenze degli italiani per un luogo di villeggiatura sul mare, ci sono Camaiore, Cervia, Varazze e Jesolo dove l’aumento delle richieste è pari al 20%. Seguono Sanremo, Pietrasanta e San Benedetto del Tronto con un +18% rispetto al 2011, mentre Chiavari e Grosseto chiudono la classifica delle località balneari più richieste con un +15%.

 

Dall’indagine condotta da Casa.it emerge inoltre che tra le città d’arte più desiderate ci sono Palermo dove si registra un +11% nelle richieste, Roma, Venezia e Napoli con una variazione positiva nella domanda di sistemazioni per il ponte pasquale pari al 15%.