Ancora novità sul fronte partita IVA. In base a quanto dichiarato dal sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti, infatti, a breve dovrebbero essere introdotte delle innovazioni, soprattutto per quanto riguarda il tetto minimo dei ricavi. Novità che dovrebbero essere favorevolmente accolte soprattutto dai liberi professionisti che con la partita IVA ci lavorano.

A quanto pare il tetto minimo dei ricavi dovrebbe essere portato da quindicimila a trentamila euro: una mossa, questa, pensata soprattutto per agevolare i piccoli professionisti. La novità introdotta dovrebbe essere in linea con quanto promesso da Matteo Renzi, che all’inizio dell’anno aveva anticipato novità sulla partita IVA.

Innalzare i minimi del tetto di ricavi da quindicimila a trentamila euro potrebbe favorire ancora di più l’apertura della partita IVA, il cui incentivo era già stato favorito dalla proroga al vecchio regime dei minimi al 5 per cento di tassazione.

Le novità che verranno introdotte a breve potrebbero riguardare, potenzialmente, almeno un milione e ottocentomila persone che nell’anno precedente (ossia 2014) hanno dichiarato redditi inferiori ai trentamila euro, andando così ad ampliare la platea dei professionisti che possono beneficiare di una tassazione agevolata.