Quando si ha necessità di controllare e di verificare la validità della partita IVA comunitaria di un cliente, si può ricorrere ad un servizio in grado di fornire risposte circa la validità del numero di identificazione IVA dei propri clienti. Un bisogno, quello del controllo e della verifica della partita IVA comunitaria, che può presentarsi ne momento in cui si effettuano cessioni intracomunitarie (ossia all’interno dell’Unione europea).

Partita IVA comunitaria: come effettuare controllo e verifica

Il servizio che consente di controllare e verificare la partita IVA comunitaria fornita da un cliente è disponibile cliccando a questo indirizzo internet. Il programma è in grado di offrire il collegamento con tutti i sistemi fiscali degli Stati che fanno parte dell’Unione europea, le cui informazioni possono essere consultate dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:00 alle ore 20:00 e il sabato dalle ore 8:00 alle ore 13:00.

Partita IVA comunitaria: quali dati si possono ottenere

Attraverso il sistema appena descritto è possibile ottenere in realtà tutta una serie di informazioni: se il codice della partita IVA comunitaria è valido oppure no, la denominazione dell’operatore commerciale e e il suo indirizzo. Nel caso in cui la partita IVA non dovesse esser riconosciuta, ci si può rivolgere all’Agenzia delle Entrate, che si occuperà poi di svolgere ulteriori verifiche e indagini.

Partita IVA comunitaria: struttura identificativa

Ogni Stato dell’Unione europea possiede un numero identificativo IVA con una struttura del tutto peculiare. Quest’ultima è caratterizzata da: un numero di caratteri, il tipo di caratteri (numerici, alfabetici o entrambi), eventuale presenza di caratteri con codici che identificano un’area geografica ben precisa o un ufficio fiscale nazionale di competenza o, ancora, una tipologia di operatore commerciale.