La borse di Milano e Madrid trainano al rialzo gli altri listini europei. L’Ibex di Madrid segna un rialzo dello 0,47% mentre a Piazza Affari il Ftse Mib avanza dello 0,30%. Dopo una partenza incerta, prende il largo il tedesco Dax con un progresso dello 0,32%. Più prudenti la piazza londinese e quella francese che mostrano rispettivamente una salita dello 0,08% e un calo dello 0,02%. Gli acquisti giungono dal rinnovato ottimismo circa il buon esito delle trattive sul fiscal cliff statunitense.
Benefici si sono sentiti anche da oriente. La produzione industriale indiana a ottobre è cresciuta su base annua dell’8,2%, battendo nettamente le attese degli analisti che avevano pronosticato un progresso del 5,1%. Il dato precedente era calato dello 0,4% (rivisto a -0,7%).
Buone notizia anche dal mercato obbligazionario. Lo spread Btp-Bund è partito questa mattina in area 340 punti base, dopo che lunedì era schizzato oltre i 360 punti base. Il rendimento del Btp decennale è al 4,71%.
Ieri Confindustria ha diffuso le proprie stime sul Pil Italia, rivedendo al ribasso le previsioni sul 2013: l’anno prossimo il dato dovrebbe subire un calo dell’1,1% dal -0,6% indicato in precedenza. Migliorate le previsioni per quest’anno a-2,1% da -2,4% mentre nel 2014 il Pil tornerà a crescere dello 0,6%.