La Borsa di Milano apre in ribasso insieme alle altre piazze europee. A spingere al ribasso i listini del Vecchio Continente i deboli risultati macro cinesi con l’indice Pmi sceso a 47,8 punti dai precedenti 48,2 punti. Con la discesa sotto i 50 punti si ha l’ulteriore prova che l’economia di Pechino sta risentendo della crisi della zona euro.

Oggi in programma c’è l’apertura del summit annuale tra l’Unione europea e la Cina. Herman Van Rompuy, presidente del Consiglio europeo, incontrerà a Bruxelles il primo ministro cinese, Wen Jiabao, insieme a Jose Manuel Barroso, presidente della Commissione europea.

Buone notizie dal mercato obbligazionario con lo spread Btp-Bund che questa mattina ha preso il via a 332 punti base. Il rendimento del Btp decennale si è riportato sotto quota 5%, livello minimo dallo scorso marzo. Il differenziale di rendimento tra i titoli di stato decennali spagnoli e tedeschi è invece partito a 404 punti base, con un rendimento del 5,6%.

Riflettori puntati sull’asta in Spagna. Il Tesoro collocherà 4,5 miliardi di euro di titoli di Stato. Si tratta dell’emissione più consistente da marzo. Dall’Italia prosegue l’agenda degli appuntamenti del presidente del Consiglio Mario Monti. In attesa di ricevere venerdì i primi ministri di Grecia, Irlanda e Spagna, il premier italiano oggi interverrà questa sera alle 19 alla presentazione del libro di Federico Rampini con Antonio Martino presso la Sala delle Conferenze di piazza Montecitorio.

A Piazza Affari il Ftse Mib arretra dello 0,50% a 16.019 punti. A Francoforte il Dax cede lo 0,33%, il londinese Ftse100 segna un ribasso dello 0,80%, il parigine Cac40 va giù dello 0,24% e lo spagnolo Ibex35 perde lo 0,14%.