Il pane quotidiano costa sempre di più e a Milano e Bologna è in assoluto in più caro d’Italia. Lo rivela una inchiesta di Altroconsumo. Secondo i dati raccolti, si arriva a spendere fino a 270 euro l’anno a testa. Ma il prezzo varia molto a seconda del tipo e a seconda di dove si compera.L’indagine ha rilevato differenze notevoli di prezzo da città a città. Milano è in assoluto il luogo dove la pagnotta costa di più, minimo 3,94 euro al chilo, mentre Napoli è in assoluta la più economica. Qui si resiste al caro mollica con 1,70 euro per kg. Ma scegliendo il tipo più caro di pane, in metà delle città dell’inchiesta (Genova, Milano, Padova, Bologna e Firenze) si arriva a spendere più di 5 euro al chilo fino a oltrepassare i 6 euro al chilo a Bologna.

Al supermercato si risparmia; pur variando ampiamente il prezzo a seconda che si tratti di pane economico o costoso nella grande distribuzione i prezzi sono più abbordabili: 1,96 euro in media al chilo, nei panifici il pane costa in media il 50% in più: 2,95 euro per kg.
La ricerca ha coinvolto 138 punti vendita, tra panetterie e supermercati e ipermercati in dieci grandi città: Bari, Bologna, Genova, Firenze, Milano, Napoli, Padova, Palermo, Roma e Torino.