PagoPA è il sistema della Pubblica Amministrazione italiana che consente di pagare in modo semplice, veloce e sicuro i tributi (TARI, tasse scolastiche, multe…). Un cambiamento epocale, che permette ai cittadini di non doversi più recare in posta oppure compilare bollettini. Grazie a PagoPA (a cui hanno aderito i più grandi Comuni d’Italia come Roma, Milano, Torino, Bari e Palermo) tali tributi si pagano comodamente andando su internet e in futuro servendosi anche del proprio smartphone. Il servizio è già attivo da qualche tempo ma è stato ulteriormente migliorato, continuerà ad esserlo e sarà soprattutto maggiormente pubblicizzato.

Cos’è PagoPA

PagoPA è una piattaforma web ideata da Agenzia per l’Italia Digitale che consente di pagare sia in modalità online sia offline. Grazie ad esso, anche lo Stato ottiene benefici poiché si riesce a gestire i pagamenti in modo centralizzato, offrendo servizi automatici di rendicontazione e riconciliazione verso uno (o più) conti corrente dello Stato, senza errori e con un risparmio di costi, per lo Stato stesso, nient’affatto indifferenti.

Come funziona PagoPA

Ma come funziona tecnicamente PagoPA? Il modo migliore per spiegarlo è senz’altro quello di illustrare un esempio. Chi deve pagare la TARI, ad esempio, non dovrà più compilare a mano il modello F24 per eseguire il pagamento, rischiando di sbagliare l’importo o la compilazione stessa. Anche il Comune, da parte sua, non dovrà più farsi carico di conteggiare manualmente le somme incassate e riversarle sul conto di tesoreria.

PagoPA è anche un sistema di pagamento personalizzato perché il sistema è in grado di memorizzare le preferenze di pagamento dei cittadini, nel pieno rispetto degli standard di sicurezza. Entro la fine dell’anno 2017 è inoltre previsto lo sviluppo di un’app per smartphone che avrà il compito di rendere ancor più accessibile e facile il pagamento dei tributi allo Stato.