Secondo gli ultimi dati di Bankitalia, nel mese di marzo i tassi sui mutui sono rimasti stabili, mentre si è registrato un aumento degli interessi  per il credito al consumo – aumentati dal 9,08% di dicembre all’attuale 9,59%. Nonostante l’aumento degli interessi e la grave situazione di crisi in cui viviamo  tanti continuano ad indebitarsi – e in tante occasioni per affrontare spese non necessarie.

L’aumentato ricorso ai prestiti personali è stato rilevato anche dall’Istat: secondo il suo primo rapporto Bes – è l’acronimo dell’indice Benessere equo sostenibile, che secondo il nostro istituto di statistica dovrebbe affiancare il Pil – sono aumentate le famiglie indebitate nell’ultimo quadriennio. In particolare la progressione è evidente nel 2012: si è passati dal 2,3 al 6,5%, che corrispondono a  6,7 milioni di persone in difficoltà economica – ovviamente la ragione principale è determinata dalla perdita di lavoro.

Non poteva essere altrimenti, anche il credito al consumo è in calo, da imputarsi principalmente all’assenza di garanzie da parte di chi richiedere un finanziamento. Secondo Assofin nei primi mesi dell’anno c’è stata una diminuzione dell’11% in termini di operazioni – l’unica eccezione è rappresentata dalle carte di credito rateali.

D’altra parte si assiste ad una riduzione delle richieste di prestiti collegati alla professione, mentre continua a resistere l’abitudine di richiedere un finanziamento in occasione dell’acquisto di beni voluttuari come cellulari, smartphone, tablet, computer, elettrodomestici e apparecchiature elettroniche. Confartigianato Imprese Puglia ha cercato di capire i motivi che spingono ancora tanta gente a ricorrere a prestiti – nella sola Puglia, le famiglie hanno richiesto oltre sette miliardi di euro di finanziamenti. Tra le richieste di finanziamento – che usufruiscono di mezzi come il cessione del quinto dello stipendio, i prestiti personali e le carte di credito revolving – spicca chi ricorre ai prestiti per pagarsi le vacanze.

Publiredazionale

photo credit: kevin dooley via photopin cc