Avete richiesto un prestito personale? Attenzione al rischio sovraindebitamento. Cosa significa?  È buona regola valutare con estrema attenzione ogni nuovo debito che si contrae. Da una parte bisogna costruirsi un budget familiare, ovvero un piccolo bilancio in cui indicheremo le uscite – come le bollette da pagare, le tasse, le spese per vacanze… – e le entrate – rappresentate ovviamente dai redditi che percepiamo.
Ovviamente le uscite non possono superare le entrate e non si possono nemmeno avvicinare troppo – perché ad esempio ci potrebbe essere una spesa imprevista… In genere è buona norma che l’insieme dei prestiti e dei finanziamenti non determini il pagamento di rate che prese nel complesso superino il 25-30% del reddito complessivo.
Se questo accade ci restano poche alternative: da una parte non sottoscrivere il contratto di finanziamento, e dall’altra vedere se allungando la durata del prestito che contraiamo – o se modificando il tasso di interesse – si può rientrare in questo limite.

Un’altra scelta logica è quella di non accendere più prestiti contemporaneamente. Se siete in questa situazione potete pensare al consolidamento debiti, ovvero a un rifinanziamento che consenta di unire tutti i prestiti che avete ottenuto finora. Ovviamente in questo caso bisogna considerare il tasso del nuovo prestito in rapporto ai tassi dei finanziamenti in essere, e considerare che con questa forma di prestiti spesso si possono ottenere dei tempi di rimborso più lunghi – anche 120 mesi -, per ridurre l’importo della rata (alcune società permettono pure di richiedere una somma aggiuntiva). Il consolidamento permetterebbe poi di semplificare la gestione dei prestiti, perché avremo una sola data di scadenza della rata e un solo importo da liquidare.

Per evitare il sovraindebitamento, poi, è consigliabile guardare il tipo di tasso che viene applicato. I prestiti a tasso variabile sono più convenienti all’apparenza, ma possono portare a notevoli aumenti delle rate se i tassi di riferimento sono in aumento.

Publiredazionale

photo credit: TheAlieness GiselaGiardino²³ via photopin cc