Anche il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha reso disponibili online nella serata di ieri i dati sul suo reddito. In precedenza tutti i Ministri del governo avevano reso noti propri redditi ed il proprio patrimonio.

Il reddito ed il patrimonio di Mario Monti

Nel 2010 Mario Monti ha dichiarato un milione e mezzo di euro lordi, in crescita dagli 875 mila del 2009, mentre la stima per il 2011 (fino al 9 novembre) è di un milione. Il premier ha rinunciato al compenso da premier e da ministro dell’Economia e lo stipendio da senatore è di 211 mila euro annui lordi. Monti è proprietario al 100% di un appartamento a Milano, per il 50% di un appartamento a Bruxelles e di uno a Milano, di un ufficio e di due negozi a Milano (dei quali possiede il 40% della proprietà) e di nove unità abitative e un negozio a Varese. Il patrimonio depositato in conti correnti, depositi titoli e gestioni patrimoniali ammonta a 11 milioni 522 mila euro.

… e quelli degli altri ministri

La più ricca del Governo, come da prime indicazioni di ieri, si è dunque confermata Paola Severino: il ministro della giustizia ha guadagnato nel 2010 come avvocato 7 milioni di euro, pagando 4 milioni di tasse, mentre come titolare della Giustizia riceverà quest’anno 195 mila euro. Il Ministro ha denunciato la proprietà di due appartamenti, uno a Roma e uno Cortina, e un altro appartamento in comproprietà nella capitale con annessi cantina e garage.

Di tutto rispetto anche il reddito del ministro delle Infrastrutture Corrado Passera, che nel 2010 ha dichiarato oltre 3,5 milioni di euro e ha segnalato tra l’altro una partecipazione per 1,9 milioni di euro nella Lariohotels più altri 3,1 milioni nella stessa società, ma in nuda proprietà. Inoltre, ha azioni per 1,6 milioni nella Immobiliare Venezia Srl, valori finanziari per 13,5 milioni e due mutui sulle spalle: uno da 1,9 milioni con il Banco di Brescia San Paolo e uno da 910mila Euro con il Credit Lyonnais.