(Finanza.com) Le previsioni di lunghissimo periodo diffuse oggi dall’Ocse vedono l’Italia continuare in un sentiero di crescita lenta, ma a un ritmo che da qui al 2060 sarà superiore a quello della Germania. Il rapporto sulle prospettive di crescita economica a lungo periodo curato dall’Ocse vede l’Italia crescere al ritmo dell’1,3% annuo nel periodo 2011-2030 e dell’1,5% tra il 2030 e il 2060. Complessivamente la crescita media dell’1,4% nel periodo 2011-2060 risulterebbe superiore a quella della Germania. Infatti la prima economia europea secondo l’Ocse farà segnare un +1,1% medio annuo, peggio dell’Italia e anche della media dei paesi dell’area Ocse, stimata pari al 2%. Tra i principali Paesi fanno meglio gli Stati Uniti, +2,1% annuo nel periodo 2011-2060, stesso tasso di crescita per la Gran Bretagna e la Svizzera, +1,6% per la Francia e +1,7% per la Spagna. Tra i Paesi emergenti il ritmo di crescita più elevato da qui al 2060 dovrebbe tenerlo l’India con un +5,1% annuo, seguita dall’Indonesia con +4,1% e solo terza la Cina con +4% annuo.