Il solito gran casino… Oggi viene pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto che prevede l’accettazione obbligatoria del bancomat – ovvero le cosiddette carte di debito – come mezzo di pagamento per le somme che superano i 30 euro sia per le imprese che per i professionisti.

Entro la fine di marzo quindi dovranno adeguarsi a quest’obbligo tutte le attività commerciali o professionali con un fatturato superiore a 200.000 euro nel 2013. Per gli altri, che sono la maggioranza, viso che in base ai dati Adepp, l’imponibile contributivo medio è di 36.000 euro bisognerà aspettare un ulteriore decreto che dovrebbe comunque arrivare nel mese di giugno.

L’ipotesi più ragionevole è che il futuro decreto stabilisca che anche le altre attività debbano uniformarsi a quest’obbligo entro la fine dell’anno… Il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato ha spacciato l’iniziativa come un modo per favorire “i consumatori nei loro acquisti attraverso una più ampia diffusione della moneta elettronica“, ma in realtà l’obiettivo principale è quello di garantire “maggiore tracciabilità per le transazioni con imprese e professionisti“.

Facile quindi aspettarsi che nel giro di un paio d’anni l’obbligo ad accettare i pagamenti con il bancomat diventi un obbligo di pagare con mezzi tracciabili.
photo credit: JimmY2K via photopin cc