Scendono ancora i prestiti erogati dalle Banche italiane al settore privato. È quanto emerge da un’indagine condotta dalla Banca d’italia e pubblicata nel suo Supplemento al Bollettino Statistico.

Secondo i dati diffusi dall’istituto centrale a ottobre i prestiti a famiglie a imprese hanno registrato una contrazione dell’1% rispetto a un anno fa. Si tratta del terzo calo consecutivo (-0,2% ad agosto e -0,9% a settembre).

Nel dettaglio del settore privato (che comprende famiglie, società non finanziarie, imprese assicurative, fondi pensione e le altre istituzioni finanziarie), i finanziamenti alle famiglie hanno registrato una contrazione di lieve entità (-0,1%) mentre i prestiti alle imprese hanno messo a segno il sesto calo consecutivo scendendo del 2,9%.

A settembre il dato relativo le famiglie non aveva fatto registrare variazioni mentre i finanziamenti alle imprese erano arretrati del 3,2%.

Per quanto riguarda il primo aggregato, le famiglie, il tasso medio utilizzato nelle operazioni di credito al consumo è passato dal 9,73% di settembre al 9,65%. In lieve calo anche il costo percentuale dei mutui, sceso dal 4,1 al 4,06%.