Nuove etichette energetiche in arrivo, almeno stando a quelle che sembrano le intenzioni della Commissione Europea. A quanto pare sarebbe stata formalizzata la richiesta di abrogare il vecchio sistema per fare spazio ad uno nuovo, in grado di creare un sistema di nuove etichette energetiche con un’unica sala di efficienza e che sarà applicata a tutti i prodotti.

In base a quello che dovrebbe essere la nuova metodologia dunque, non si vedranno più indicazioni del tipo A+. A++ e così via ma una serie di lettere che andranno dalla A alla G. Un progetto, quello della Commissione Europea, che dovrebbe portare a risparmi energetici che si stimano attorno alle 17 tonnellate di petrolio ma anche maggiore innovazione, competitività e aumento dell’occupazione all’interno dell’Unione europea. La modifica dovrebbe portare anche maggiore semplicità visto che attualmente l’aumento dell’efficienza energetica ha condotto alla creazione pressoché infinita di classi.

Per quanto riguarda i consumatori, invece, il risparmio per loro dovrebbe essere di circa 15 euro all’anno, una cifra dovuta al fatto di beneficiare di informazioni più precise e più chiare nel momento dell’acquisto dei prodotti.

La proposta per le nuove etichette energetiche è ancora al vaglio della Commissione Europea e al momento non è dato ancora sapere se e quando entrerà in vigore. Le imprese, però, non sembrano particolarmente felici questa innovazione poiché temono che i consumatori possano apparire disorientati da questi mutamenti, soprattutto per ciò che riguarda gli elettrodomestici già in loro possesso.