La Tares dovrebbe avere vita breve, visto che si prevede di sostituirla – insieme all’Imu – dal prossimo anno con la Service Tax. Intanto però rischia di fare danni notevoli. Almeno queste sono le stime di Confartigianato, che ha calcolato gli aggravi per le attività artigiane con il passaggio dalla Tarsu alla Tares…

Gli esercivi di pizza al taglio subirebbero un aumento dell’imposizione per questa tassa del 301,1%. Al confronto i laboratori artigiani di pasticceria con un aumento dell’imposizione del 181,7% dovrebbero quasi sentirsi contenti.

Il passaggio dalla Tarsu alla Tares non dovrebbe piacere nemmeno ai piccoli produttori di pane e pasta che si troverebbero a pagare il 93,6% in più. Verrebbe da utilizzare il vecchio adagio chi lascia la via vecchia per la nuova sa quel che perde ma non quel che trova. E se i dati dovessero essere confermati, c’è da preoccuparsi per quello che finiremo per pagare con la Service tax…

photo credit: Checiàp via photopin cc