Continua il momento negativo per il mercato automobilistico europeo. I dati Acea hanno evidenziato in giugno il nono calo consecutivo in giugno, con il numero di auto immatricolare in flessione dell’1,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: da 1.275.734 di auto immatricolate si è scesi a 1.254.052. In maggio la contrazione era stata dell’8,4% mentre se si considerano i primi sei mesi dell’anno la flessione è del 6,3%: 6.896.348 nuove auto immatricolate contro i 7.360.690 dello scorso anno.

Forte flessione per Fiat

Nel mese il gruppo Fiat ha riportato vendite in calo del 16,7% a 79.927 unità. È continuata la flessione della quota di mercato del gruppo torinese, che è scesa al 6,4% dal 7,5% del giugno 2011. In giugno, quindi, Fiat è stata superata da Bmw, con una quota di mercato del 6,6%, e si attesta al settimo posto in quanto a quote di mercato. Tra i marchi della casa torinese, le vetture Fiat hanno registrato un calo del 17,9%, le Alfa Romeo del 30,2%. In tenuta Lancia/Chrysler (+0,2%) e in controtendenza Jeep (+19,4%).

Il Gruppo Fiat, commentando in una nota i risultati evidenziati da Acea, ha detto di essere stato “penalizzato dal pessimo risultato complessivo del mercato italiano”. L’Italia è il fanalino di coda tra le maggiori economie della Ue a 27 per le immatricolazioni di automobili.

Guardando agli altri costruttori, le vendite di Volkswagen hanno registrato un nuovo incremento con un +4,3%. La casa tedesca ha, così, rafforzato la propria leadership, con la quota di mercato salita al 24% dal 22,6%