Christophe de Margerie, presidente e direttore generale della compagnia petrolifera francese Total, è rimasto ucciso in un incidente aereo nell’aeroporto di Mosca di Vnukovo.

L’aereo si cui viaggiava l’ex numero uno del colosso del petrolio e del gas nell’atterrare si è scontrato con una macchina per lo sgombero della neve. Sono morti assieme a de Margerie anche i tre membri dell’equipaggio.

La compagnia francese ha confermato la morte con una nota: ”Il Gruppo Total conferma con grande emozione e tristezza che il suo amministratore delegato Christophe de Margerie è morto quella notte in un incidente aereo”

De Margerie, 63 anni, era alla guida di Total dal 2010.

Secondo il quotidiano russo Vedomosti de Margerie era di ritorno da un incontro con il primo ministro russo Dmitry Medvedev nella sua casa di campagna nei pressi di Mosca; un colloquio sugli investimenti stranieri in Russia colpita da sanzioni occidentali.

L’ex numero uno del Gruppo Total è stato uno dei pochi grandi imprenditori che a maggio ha partecipato al Forum economico internazionale di San Pietroburgo, in piena escalation delle tensioni con l’Occidente per la crisi ucraina. Total è anche partner della russa Novatek nel progetto del gasdotto transiberiano Yamal nel nord della Russia.

Sono in corso indagini per sapere meglio le circostanze dell’incidente.

photo credit: World Economic Forum via photopin cc