La società che edita il Corriere della Sera è protagonista di un grosso cambiamento e lo stimolo, ancora una volta, arriva da Diego Della Valle che ha deciso di rompere il precedente patto di sindacato per acquisire un maggior numero di azioni. 

Diego Della Valle, in questo momento, possiede l’8,67% delle azioni di RCS Mediagroup, che è la società che edita il Corriere della Sera. Fino a qualche settimana fa, Della Valle, faceva parte di un patto di sindacato, un’alleanza tra gli azionisti che detengono il 60 per cento delle azioni del gruppo.

Nello stesso tempo, un altro finanziere noto nel mondo dell’economia italiana, Alessandro Proto, ha dichiarato di aver acquistato il 2,8 per cento delle azioni RCS insieme ad altri azionisti stranieri e soprattutto ha detto di essere d’accordo con Della Valle.

RCS si trova così a vivere un nuovo periodo di turbolenze, come quelle già vissute ai tempi di Stefano Ricucci, dei litigi Della Valle-Geronzi.

Il patto di sindacato che abbiamo annunciato in precedenza, non riguarda i sindacati e il mondo del lavoro; con questo termine, infatti, si indica un accordo tra un gruppo di azionisti che hanno deciso di accordarsi per prendere delle decisioni importanti. In genere il patto di sindacato “entra in campo” quando gli azionisti sono decisi a vendere o acquistare un buon numero di azioni.