L’agenzia stampa Ansa ha potuto visionare in anteprima la bozza del Decreto sviluppo illustrando delle novità inserite nel testo. Poi Passera è intervenuto provando a rasserenare gli animi e spiegando i passi compiuti dal Governo. 

La bozza del decreto Sviluppo è pronta, sta per essere resa pubblica ma per il momento è stato consentito soltanto all’Agenzia Ansa di visionarne il contenuto. L’agenzia spiega che è stato inserito nell’articolo 1, un passaggio sulla nascita del “Fondo per la crescita sostenibile“.

Questo passaggio prevede che si rimetta ordine nel sistema degli incentivi. In particolare sembra che siano state abolite circa 43 disposizioni, quindi incentivi, introdotti da una legge del 1954 e successivamente confermati. Stiamo parlando degli aiuti alle imprese.

Adesso, però, bisogna attendere che il decreto Sviluppo sia esaminato dal Consiglio dei Ministri. C’è una questione, infatti, che deve essere ancora chiarita: la copertura economica per le novità previde dai tecnici del ministero dello Sviluppo e del ministero del Tesoro.

Sembra che i soldi saranno recuperati da un regime di tassazione imposto alle agenzie di assicurazione straniere che operano nel nostro paese al fine di equipararle alle compagnie assicurative del Belpaese.

Passera, da parte sua, ha confermato lo strenuo lavoro del suo dicastero per il recupero delle risorse necessarie all’attuazione del decreto Sviluppo.