Uno strategist di Nomura, tale Bob Janjuah, ha fornito la sua particolare visione del mercato azionario e soprattutto di quello statunitense che sta vivendo una crisi senza precedenti. L’opinione è pessimista sul lungo periodo ma sul breve termine lo strategist indica otto cose da tenere d’occhio. 

Per prevedere con un po’ d’anticipo quel che succederà sul mercato azionario, è necessario, secondo Bob Janjuah di Nomura una considerazione di otto elementi che in qualche modo influiscono sull’economia e sulla finanza a livello globale.

In primo luogo gli elementi meteorologici positivi che hanno alimentato le buone performance del periodo. Nei prossimi mesi, infatti, potremmo assistere ad un calo fisiologico.

Il secondo elemento, se così si può chiamare, sono i consumatori americani che hanno ancora una posizione debole e vulnerabile. Per loro si prospetta una stagione di risparmi ridotti all’osso.

In terza e quarta posizione ci sono la stagione delle trimestrali e la crescita timida del Vecchio Continente. Le trimestrali, a parte Apple, purtroppo, vanno incontro ad periodo di calo fisiologico.

Ma bisogna fare attenzione anche alle economie emergenti considerando che la Cina ha subito una battuta d’arresto e che nei prossimi trimestri non ci saranno nuove iniezioni di liquidità nel mercato.

Gli ultimi due elementi da monitorare sono le agenzie di rating che potrebbero declassare nei prossimi mesi il settore bancario mondiale e infine la crisi nucleare iraniana.