(Finanza.com) Trimestrale peggiore delle attese per Nokia. Il gruppo finlandese dei telefonini ha riportato nel secondo trimestre dell’anno ricavi pari a 7,5 miliardi di euro, in calo del 19% rispetto al corrispondente periodo del 2011, mentre il risultato netto è stato negativo per 1,41 milioni di euro, ossia -0,38 euro per azione, in peggioramento rispetto al rosso dell’anno prima. Non solo. Entrambi i risultati sono stati inferiori alle aspettative del mercato. Gli analisti avevano pronosticato ricavi pari a 7,32 miliardi di euro e una perdita netta di 641,1 milioni, ossia -0,176 euro per azione. A rinfrancare sono stati i dati sulle vendite: le vendite di cellulari si è attestata a 73,5 milioni di unità contro i 71,8 milioni dell’anno prima. E per quanto riguarda Lumia, l’ultimo nato in casa Nokia, sono stati venduti 4 milioni di unità. “Forniremo ulteriori aggiornamenti su Lumia nel corso del tempo, ben oltre il lancio di Windows Phone 8, che crediamo sarà un catalizzatore importante per Lumia”, ha fatto sapere la società. Per il futuro, il gruppo prevede di realizzare nel terzo trimestre un margine operativo nell’unità Devices & Services simile a quello del secondo trimestre (-9,1%) più o meno quattro punti percentuali.