La nota azienda di telefonia Nokia è in vena di cambiamenti e per tagliare le spese ha pensato di tagliare il personale. Saranno 3500 gli impiegati che saranno mandati a casa dopo la “ristrutturazione” della compagnia.La Nokia è un vero e proprio colosso nel mondo delle Telecomunicazioni. Di origini finlandesi, adesso si è allargata in tutto il mondo. L’annuncio fatto di recente, relativo al taglio di 3500 posti di lavoro ha fatto pensare immediatamente ad una crisi senza precedenti.

La Nokia, invece, intende avviare una ristrutturazione interna e fare nuovi investimenti. In Romania, Germania, Stati Uniti e Finlandia, entro il 2012, qualcuno andrà a casa. I primi tagli già entro l’anno. Alcuni provvedimenti però non sono nuovi visto che la razionalizzazione delle risorse era stata pensata già ad aprile.

Il Ceo dell’azienda, con un po’ più di franchezza rispetto alle statistiche, parla di una manovra che mira a preparare l’azienda al futuro che potrebbe essere meno roseo di quanto sperato in questi ultimi anni. Ma non mancheranno gli investimenti.

Pare infatti che la Nokia intenda insistere sulla join venture creata ad hoc con Siemens. 500 milioni di euro ciascuno per lavorare sull’innovazione che interessa la banda larga mobile e i servizi ad essa legati.