La proposta era arrivata contemporaneamente da Pd e Pdl: estendere la no tax area dagli attuali 8.000 euro (o 7.500 se si è pensionati) a 12.000 euro. Troppo costosa – solo equiparare i pensionati agli altri percettori di redditi avrebbe richiesto la bellezza di 1,2 miliardi di euro -, e poi l’idea non aveva convinto nemmeno la leader della Cgil Susanna Camusso – di questa misura secondo la sindacalista avrebbero finito per beneficiare anche tanti che evadono le tasse

La cancellazione di questo emendamento dalla legge di stabilità risolve anche un problema: quello della vendita delle spiagge che era stato portato avanti da esponenti del Pdl e del Pd – i secondi poi si erano ritirati.

Secondo il relatore del Pd, Giorgio Santini. “Ora puntiamo invece ad aumentare le detrazioni Irpef riservando il taglio del cuneo fiscale alla sola area dei 30.000 euro e concentrando in particolare le risorse possibili sugli sgravi per i redditi fino a 15- 20.0000 euro”. E conclude così: “i benefici aumenteranno nella triennalità, con un aumento graduale degli stanziamenti nel 2015 e nel 2016″.

photo credit: Alessandro Capotondi via photopin cc