Nel 2011 oltre due milioni di Italiani hanno chiesto un prestito per ripagare finanziamenti già in corso. Questo il risultato di un’indagine condotta da Prestiti.it – il broker web che permette di confrontare diversi preventivi di prestito – che ha anche sottolineato come solo poco più di 170.000 di queste domande sono state accolte. Si tratta dell’11% delle domande di finanziamento fatte lo scorso anno.

Le ragioni dietro questa tendenza

“L’alto numero di questo tipo di richieste è sintomatico di una condizione di difficoltà – spiega Marco Giorgi di Prestiti.it – Quando le rate si sommano, star dietro alle scadenze e disporre di sufficiente denaro per arrivare a fine mese diventa più complicato. Per questo, poter accorpare i diversi finanziamenti in essere in un’unica rata, allungando i tempi del prestito e aggiungendo, se necessario, altra liquidità è un vantaggio”.

L’importo medio delle richieste è di oltre 16.000 euro, e lo si vuole rimborsare in un periodo lungo, 78 mesi. L’età media al momento della richiesta è di circa 42 anni egli uomini rappresentano la maggioranza assoluta del campione: da loro arriva il 73% delle richieste.

L’analisi per regioni evidenzia come l’impatto delle richieste di consolidamento debiti sul totale delle domande di prestito è più alto nel Centro e nel Nord Italia mentre, con riferimento agli importi medi, le cifre più elevate sono richieste nelle regioni del Centro-Sud.

Consolidare i propri debiti in un’unica soluzione, tuttavia, non è semplice. Giorgi evidenzia come “ottenere un finanziamento per consolidamento debiti è possibile solo a chi può dimostrare di avere dei trascorsi da buon pagatore in quanto rappresenta un prestito sul prestito. Visto che parliamo di importi e durate considerevoli occorre, ancora di più, confrontare attentamente le diverse proposte e scegliere quella che si adatta meglio al proprio profilo di pagatore”.