Il mutuo chirografario per il fotovoltaico è un mutuo pensato per chi vuole dotare la propria abitazione di pannelli fotovoltaici, seguendo così quelle che sono le più recenti legislazioni e condotte in merito al risparmio energetico. Il mutuo chirografario per il fotovoltaico, come suggerito dal nome, ha quindi tutte le caratteristiche di un prestito chirografario per cui, per ottenerlo, c’è bisogno della sola firma del richiedente, senza la necessità che il mutuo sia garantito da cose o terze persone (alcuni istituti di credito potrebbero però comunque pretendere una garanzia, sia essa a livello personale come una fideiussione, sia essa a livello cambiario).

Mutuo chirografario per il fotovoltaico: caratteristiche

Il mutuo chirografario per il fotovoltaico, così come per il mutuo chirografario, può essere concesso per una durata non superiore ai cinque anni, ragion per cui anche la somma richiesta non può eccedere alcuni limiti prestabiliti, altrimenti diventerebbe quasi impossibile, nella maggior parte dei casi, restituire quanto avuto in prestito in pochi anni.

Mutuo chirografario per il fotovoltaico: come viene erogato

Il mutuo chirografario per il fotovoltaico viene concesso da un istituto di credito (qui di seguito vengono riportate le direttive stabilite da Unicredit banca): la somma che si può ottenere va da un minimo di diecimila euro ad un massimo di settantamila euro. Viene praticato un tasso di interesse fisso o variabile e la restituzione del credito viene poi fissata in un limite temporale che può andare da un minimo di sessanta mesi (cinque anni) ad un massimo di centoventi mesi (dieci anni)

Mutuo chirografario per il fotovoltaico: costi

I costi per la stipulazione del mutuo chirografario per il fotovoltaico possono comprendere: il prezzo per l’istruttoria (pari all’1 per cento dell’importo che si richiede); il prezzo per l’imposta sostitutiva (pari allo 0,25 per cento di quanto richiesto e ottenuto) e il costo per l’invio del documento di sintesi (costo minimo, meno di un euro).

L’importo mensile della rata di mutuo potrebbe invece includere i seguenti costi aggiuntivi: spese, qualora dovute; interessi di mora, se maturati; interessi (a tasso fisso oppure variabile).