Non solo resta difficile ottenere mutui per l’acquisto della casa, ma le cifre erogate dalle banche continuano a scendere. Secondo dati elaborati dall’ufficio studi di Mutui.it, nell’ultimo semestre l’importo medio concesso è calato del 4%: ad ottobre era di 116.000 euro, contro i 121.000 di maggio.

Inoltre è calata anche la differenza tra la media delle somme richieste e quelle effettivamente erogate, 11% contro il 6% di sei mesi prima. E questo non perché vengano chieste somme superiori o si cerchi di comprare case di maggior valore; ma perché è ulteriormente sceso l’importo medio dei mutui concessi, confermando la tendenza negativa degli ultimi 12 mesi.

La situazione è migliore se si considerano solo i mutui per la prima casa. La somma richiesta è scesa a 139.000 euro contro 135.000. E’ invece tornata a salire la somma media erogata. Sei mesi fa il rapporto tra somma finanziata e valore dell’immobile era crollato al 49%, ad ottobre invece è salito al 61, combinando maggiore erogato (127.000 euro) e minor valore degli immobili (-8%).

Per quanto riguarda gli interessi, è salita la preferenza per il tasso variabile, oggi più vantaggioso. E’ stato scelto dal 57% dei richiedenti (50% a maggio).